Di cosa ha bisogno il nostro corpo per riconoscere e assorbire veramente le vitamine e i minerali

Le vitamine sono piccole molecole organiche di cui abbiamo bisogno, ma non possiamo crearle da noi. Dobbiamo fare affidamento principalmente al cibo per mantenerci riforniti di questi nutrienti essenziali, anche se il cibo oggigiorno sta diventando sempre meno nutriente.

I campi sono esauriti per uso eccessivo. I pesticidi limitano l’azione dei microbi benefici nel suolo che aiutano le piante ad assorbire sostanze nutritive. I fertilizzanti si concentrano su alcuni prodotti chimici chiave e non tengono conto di tutti i minerali in tracce, i componenti organici o i microbi benefici che vanno nella buona alimentazione. Inoltre i cibi geneticamente modificati si sono fatti strada nei banchi alimentari e ancora non sappiamo bene se e come possano influenzarci a lungo termine.

Oltre a questi problemi, elaboriamo il cibo in modo che duri più a lungo, sia più conveniente, abbia un sapore migliore e sia persino reso più accattivante. E mentre facciamo questo eliminiamo e distruggiamo i naturali nutrienti vitali. Gran parte del cibo che troviamo nei negozi di alimentari ricorda a malapena ciò che l’umanità ha mangiato per migliaia di anni. Non c’è da meravigliarsi se abbiamo così tanti disordini autoimmuni, allergie alimentari ed epidemie crescenti di obesità.

I nostri corpi non sanno cosa stiamo ingerendo, non trovano i nutrienti di cui hanno bisogno e ci stanno implorando di mangiare sempre di più in modo da riuscire a dargli ciò che ci manca. Sappiamo tutti che abbiamo bisogno di una fornitura costante di vitamine e minerali in modo che il nostro corpo possa funzionare correttamente. Anche scienziati, medici e aziende alimentari concordano, quindi creano vitamine a basso costo nei laboratori e fortificano i cibi e bevande. Il problema è che nemmeno queste vitamine sintetiche sono ciò che i nostri corpi stanno cercando.

Quasi tutti i multivitaminici provengono da sintetici. Lo stesso vale per i cibi fortificati. La ragione di questo è che le vitamine sintetiche sono più economiche da produrre e di solito più stabili. Ciò significa che possono durare sugli scaffali per mesi o anni, essere aggiunti agli alimenti ad alte dosi e creare piccole compresse dense confezionate con quantità folli di ogni tipo di vitamina.

Queste vitamine possono definirsi “naturali” anche quando in realtà sono sintetiche perché gli scienziati affermano che i sintetici sono praticamente identici a quelli che si trovano negli alimenti. Il modo in cui sono composti questi prodotti non è minimamente simile ai processi metabolici che piante e animali usano per crearli. Anche il prodotto finito è di solito un composto non esattamente della stessa forma trovata in natura. Le vitamine sintetiche, secondo una moltitudine di studi, non sono così biodisponibili, assorbibili o utilizzabili. Queste vitamine “praticamente identiche” non sono ciò che troviamo negli alimenti naturali, non sono riconoscibili per il corpo, faticose da gestire per i reni e spesso possono essere trattate come tossine.

Vitamina per vitamina un confronto tra sintetiche e naturali

Vitamina A naturale – La vitamina A si presenta negli alimenti come beta-carotene. Il corpo deve convertirlo in vitamina A per essere utile. Sembra meno efficace, ma la vitamina A può essere tossica a dosi elevate. Il beta-carotene consente al corpo di convertire ciò di cui ha bisogno e di scartare il resto.
Vitamina A sintetica – La vitamina A sintetica è retinol palmitato o retinol acetato. Questo sintetico è composto dalla combinazione di olio di pesce o di palma con beta-ionone. L’olio di palma sta portando alla deforestazione della foresta pluviale e in grave pericolo la vita degli oranghi. Il beta-ionone viene creato usando agrumi, acetone e ossido di calcio.

Vitamina B1 naturale – La tiamina, o vitamina B1, è una vitamina solubile in acqua creata dalle piante e legata al fosfato. La digestione rilascia la tiamina usando enzimi specializzati che colpiscono il fosfato.
La vitamina B1 sintetica – tiamina mononitrato o tiamina cloridrato è composta da catrame di carbone, ammoniaca, acetone e acido cloridrico. È molto meno assorbibile poiché non è legata al fosfato. Ha una struttura cristallina, a differenza delle vitamine a base vegetale. Molte vitamine sintetiche sono cristalline. I cristalli nel nostro flusso sanguigno causano danni e accumulo di minerali dove non è necessario, come le articolazioni.

Vitamina B2 naturale – La riboflavina è facilmente assorbita, rimane nel flusso sanguigno per lunghi periodi di tempo e viene prontamente utilizzata dall’organismo in molti importanti enzimi.
Vitamina B2 sintetica – La riboflavina sintetica è prodotta con acido acetico e azoto o usando batteri e fermentazione geneticamente modificati. È stato dimostrato che è meno assorbibile e quindi rapidamente rimossa dal flusso sanguigno ed espulsa nelle urine come fosse una tossina.

Vitamina B3 naturale – La niacinamide o la nicotinamide sono ciò che troviamo negli alimenti e comunemente chiamiamo niacina. La niacina può avere effetti collaterali, ma questi sono minimi quando provengono da alimenti vegetali.
Vitamina B3 sintetica – L’acido nicotinico viene creato utilizzando catrame di carbone, ammoniaca, acidi, 3-cianopiridina e formaldeide. È meno assorbibile e presenta maggior rischio di effetti collaterali.

Vitamina B5 naturale – Il pantotenato è la versione naturale di questa vitamina B essenziale.
Vitamina B5 sintetica – L’acido pantotenico coinvolge isobutirraldeide e formaldeide per formare un sale di calcio o di sodio. Il derivato alcolico, il pantenolo, è talvolta usato in quanto è più stabile e dura più a lungo sugli scaffali dei negozi.

Vitamina B6 naturale – Come B1, la piridossina è legata al fosfato nelle piante per produrre piridossalfosfato. Questa è la forma biologicamente attiva. Qualsiasi altra forma di B6 deve essere convertita in questa combinazione di fosfato prima che il nostro corpo possa usarla.
Vitamina B6 sintetica – Piridossina cloridrato proviene da estere di petrolio, acido cloridrico e formaldeide. Non è prontamente assorbito o convertito ed è stato dimostrato che inibisce effettivamente l’azione della B6 naturale nel corpo. Ha anche effetti collaterali che normalmente non si trovano nelle fonti alimentari naturali di questa vitamina.

Vitamina B7 naturale – La biotina è coinvolta nella crescita cellulare, nella produzione di grasso e nel metabolismo.
Vitamina B7 sintetica – La B7 sintetica è prodotta con acido fumarico.

Vitamina B9 naturale – Questa vitamina B esiste negli alimenti come acido folico ed è molto importante nella creazione e nella riparazione del DNA, quindi l’importanza vitale di questa vitamina prima e durante la gravidanza.
Vitamina B9 sintetica – L’acido folico non esiste negli alimenti naturali, è cristallino e non viene facilmente assorbito nonostante le grandi quantità aggiunte a vitamine e integratori. Proviene da derivati ​​del petrolio, acidi e acetilene.

Vitamina B12 naturale – La cobalamina B12 viene creata solo da microrganismi come i batteri che crescono nel suolo e nel nostro intestino, così come alcune microalghe e forse alcune specie di alghe.
Vitamina B12 sintetica – Il cobalto e il cianuro sono fermentati per produrre cianocobalamina. È corretto. Cianuro. È in minuscole quantità, ma è sempre cianuro.

Colina naturale – La colina è spesso raggruppata con vitamine del gruppo B. È combinato con fosfato in natura ed è importante nelle membrane cellulari e tiene sotto controllo il grasso.
Colina sintetica – Il cloruro di colina o il bitartrato di colina è prodotto con etilene, ammoniaca e acido cloridrico o acido tartarico. Non è legato al fosfato.

Vitamina C naturale – Questa vitamina è prontamente disponibile in agrumi, peperoni rossi, bacche e molti altri frutti e verdure. In natura è combinata con flavonoidi e fitonutrienti che ne aiutano l’assorbimento e l’utilizzo.
Vitamina C sintetica – L’acido ascorbico è una vitamina isolata dallo zucchero di mais geneticamente modificato che viene idrogenato e trattato con acetone. Non include i flavonoidi e i fitonutrienti.

Vitamina D naturale – Tecnicamente questa non è sempre considerata una vitamina in quando ce la possiamo produrre da soli. Funghi, lieviti e licheni producono vitamina D se esposti alla luce solare. Questa produzione la fanno anche gli umani. Circa 20 minuti di luce solare al giorno sulla pelle fornisce tutto ciò di cui abbiamo bisogno per produrre questa vitamina. La vitamina D3 è il tipo più efficace, lo stessa che proviene dalla nostra pelle e dai licheni.
Vitamina D sintetica – Per imitare la produzione naturale che troviamo nella nostra pelle, gli scienziati irradiano il grasso animale per stimolare la sintesi di vitamina D3. Di solito usano lanolina, le secrezioni cerose dalla pelle di pecora che mantengono la lana asciutta.

Vitamina E naturale – La vitamina E si riferisce in realtà a 8 diversi composti liposolubili e agisce come antiossidante che protegge i grassi dall’ossidazione. La forma più biologicamente attiva si trova nei cereali, nei semi e negli oli di cereali e semi.
Vitamina E sintetica – Il tocoferolo sintetico dl-alfa viene creato utilizzando oli raffinati, trimetilidrochinone e isofitolo. Non è facilmente assorbito, non rimane a lungo nei tessuti e viene rapidamente dissipato come una tossina o una sostanza chimica sconosciuta.

Vitamina K naturale – Questa vitamina è importante per la corretta coagulazione del sangue e alcune vie metaboliche. Si trova nelle verdure a foglia verde scuro.
Vitamina K sintetica – La vitamina K sintetica, il menadione, proviene da derivati ​​del catrame di carbone e olio di soia geneticamente modificato e idrogenato e utilizza acido cloridrico e nichel. È considerato tossico e può danneggiare il sistema immunitario.

Come scegliere delle vitamine naturali di qualità

Le vitamine sintetiche sono nutrienti isolati o simulati che non tengono conto di tutti gli innumerevoli fitonutrienti che li accompagnano. La natura non è una selezione di poche cose isolate dal resto. Stiamo solo iniziando a capire quanti dei composti meno noti nelle piante reagiscono l’uno con l’altro mentre li mangiamo, ma sappiamo che l’umanità ha mangiato cibi integrali per molto tempo. Ci siamo evoluti per riconoscere il tutto, non solo i singoli prodotti chimici che sono stati creati per approssimare una vitamina essenziale. Evita i supplementi che usano parole che terminano con -acid, -ide e talvolta -ate o che usano la “dl” prima del nome.

Anche i minerali dovrebbero provenire da cibi integrali il più spesso possibile. Non sono considerati materiali organici poiché provengono inizialmente dalla terra, ma le piante incorporano minerali nei loro sistemi e li combinano con composti organici. Ecco come i nostri corpi li conoscono e li incorporano anche nei nostri sistemi. I minerali sono spesso combinati con proteine ​​per formare enzimi.

Il nostri corpi richiedono vitamine e i minerali che è in grado di riconoscere e dunque assorbire. Se vuoi un multivitaminico, cerca quelli che usano fonti alimentari intere come erbe, frutta e verdura. Le Vitamine Raw di Sunwarrior per lei e per lui provengono da fonti alimentari vere, integrali.

Tratto da www.sunwarrior.com

Disclaimer
Le affermazioni su questo sito non sono state valutate dalla FDA. Le informazioni su questo sito non sono intese per diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcuna malattia. Ti incoraggiamo a fare la tua ricerca. Chiedi il parere di un medico prima di apportare modifiche al tuo stile di vita o dieta.

Condividi questo post
Sunwarrior ama condividere. Non esitare a ripubblicare gli articoli a condizione che tu ricolleghi sempre all’originale e accrediti l’autore.